.:: P A S S I O N E

.:: G I O I A

.:: T R A D I Z I O N E

.:: C U L T U R A

Verdure: Sbianchitura

Come si può evitare che le verdure e legumi freschi perdano colore durante la cottura?
La scienza in cucina ha delle risposte che ci aiutano a rendere le nostre verdure di un colore intenso e brillante quasi glassato in modo naturale.

Il procedimento della sbianchitura consiste in una cottura parziale (precottura) delle verdure e serve principalmente a togliere un sapore troppo forte ad un alimento (es. broccoli) o a fissare clorofilla e amidi rendendo gli alimenti più brillanti.

Per la lavorazione di verdura verde o da foglia (es. fagiolini, piselli, broccoletti, bietole, cavolo, cavolfiore, finocchio, sedano), la sbianchitura consiste nell’immergere le verdure in acqua bollente (la salatura della pasta dipende da cosa si deve fare con le verdure) in rapporto di 1 Kg di verdura per 10 litri di acqua. Togliere le verdure appena l’acqua riprende il bollore e freddarle immediatamente in acqua fredda.

Per la lavorazione delle patate, o dei tuberi in genere, la sbianchitura si effettua in acqua leggermente acidulata, unendo un cucchiaio di aceto per litro di acqua, non salata per conferire una maggiore struttura alle patate.

 

Vuoi organizzare il compleanno a sorpresa di una tua amica senza stress? Vuoi festeggiare a casa tua avvalendoti delle doti professionali di un cuoco a casa?  Contattaci!

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto

Completa inserendo i numeri mancanti * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

 

 
 
previous next